Think outside the box
055 013 4317
50121 Firenze FI

GREEN MARKETING

green marketing

Il cambiamento climatico, l’eccessivo sfruttamento delle risorse e i danni all’ambiente sono problemi che preoccupano sempre di più la popolazione. 

C’è sempre più consapevolezza che la responsabilità ambientale deve essere non solo individuale, ma anche e soprattutto aziendale. Secondo una ricerca Ipsos infatti il 60% degli italiani si aspetta di vedere da parte delle aziende un impegno concreto nel risolvere problemi sociali e ambientali

La sostenibilità rappresenta la redditività a lungo termine di un’impresa“. 

Per questo motivo le aziende iniziano ad integrare processi produttivi più rispettosi che puntano a prendersi cura del pianeta

Negli ultimi anni, concetti come “green marketing”, “marketing ambientale” oppure “marketing ecologico” sono entrati a far parte del lessico e della narrazione di molte aziende.

Anche chi compra fa sempre più attenzione all’ambiente, valutando bene i propri acquisti: secondo recenti studi, infatti, circa un terzo dei consumatori prende in considerazione l’impatto sociale e ambientale dei prodotti di un brand prima di comprarli.

Sempre più aziende, perciò, stanno adottando una strategia d’impresa orientata all’ecosostenibilità, di cui il green marketing è una componente importante.

Spesso associato al concetto di CSR (Corporate Social Responsibility), ovvero responsabilità sociale d’impresa, il termine green marketing è diventato popolare tra la fine degli anni ‘80 e l’inizio degli anni ‘90 dello scorso secolo. Già nel 1975, però, l’American Marketing Association (AMA) aveva tenuto il primo seminario sul marketing ecologico, i cui atti erano poi diventati uno dei primi libri sull’argomento.

Da allora, il green marketing verde ha continuato suscitare sempre più interesse e adesioni, in particolare alla luce della crescente preoccupazione globale per il cambiamento climatico: sempre più aziende si impegnano pubblicamente a ridurre l’impatto ambientale della loro attività e dei loro prodotti o servizi, e pubblicizzano questo impegno.

DEFINIZIONE

Non esiste una definizione univoca di green marketing, ma in genere il termine è usato per definire l’insieme delle strategie e delle attività messe in atto da un’impresa per migliorare la propria sostenibilità e comunicarla ai propri interlocutori.

La comunicazione è una parte rilevante del green marketing, ma non basta : alle parole devono corrispondere i fatti. 

Il green marketing punta infatti “a far sembrare normali i prodotti e i servizi sostenibili, e non a far sembrare sostenibili i prodotti normali”.

Perché un’azienda possa dirsi davvero “verde”, la strategia deve partire da quella che si definisce “corporate identity”, ovvero dall’identità e dalla cultura dell’azienda stessa.

Non basta, infatti, mettere in commercio un prodotto green, per poter essere definiti tali.

Un marketing ecologico veritiero parte da:

  • politiche aziendali consapevoli
  • formazione dei collaboratori
  • coinvolgimento e informazione degli stakeholder (persone interessate dall’attività dell’impresa)
  • iniziative di sostenibilità interne ed esterne all’azienda

Il green marketing si basa su due principi fondamentali, intimamente connessi tra di loro:

  • restituzione (impatto ambientale)
  • responsabilità (ambientale)

 

Il principio della restituzione si fonda sul riconoscimento del proprio impatto ambientale (per esempio a livello di inquinamento atmosferico, produzione di rifiuti, consumo sconsiderato delle risorse naturali e altro). Da qui parte la scelta di adottare processi, comportamenti e scelte più etici e sostenibili, ottimizzando i consumi di energia e risorse naturali.

Ammettere la propria responsabilità ambientale significa riconoscere la possibilità di optare per scelte e azioni sostenibili, che renderanno autentico e credibile anche il nostro green marketing.

green marketing

VANTAGGI

Sono molti i benefici del green marketing, vediamoli insieme…

  • Cerca di ridurre l’impronta ecologica dell’attività umana.
  • Permette una maggiore sostenibilità nell’utilizzo delle risorse.
  • Taglio dei costi, utilizzando materiali riciclati.
  • Differenziazione rispetto alla concorrenza.
  • Incremento dell’immagine aziendale, anche tra i potenziali investitori.
  • Aumento della fedeltà alla marca tra i clienti che hanno una maggiore consapevolezza sociale ed ecologica.

SVANTAGGI

Tra i principali svantaggi del green marketing c’è sicuramente il fatto che la transizione verso pratiche commerciali e processi produttivi più sostenibili può comportare dei costi, in alcuni casi consistenti. Questo porta, naturalmente, un rallentamento dei profitti poiché impegnati all’ammortamento degli investimenti attuati.

Comunque, come abbiamo visto insieme, i vantaggi del green marketing, superano di gran lunga gli svantaggi.

In questa politica, il rischio maggiore è in realtà quello di cadere nel greenwashing o nell’ecologismo di facciata. L’azienda deve essere trasparente nelle sue pratiche. È di scarsa utilità e soprattutto poco etico “predicare bene e razzolare male”. È controproducente far credere ai propri consumatori di essere socialmente responsabili, quando poi non si fa nulla in concreto. 

Il cambiamento non è sempre una minaccia, può rappresentare, invece, una grande opportunità per il nostro business.

Se vuoi rimanere sempre aggiornato seguici sui nostri social e non perderti nessun articolo del nostro blog!

 

Leave A Comment

GREEN MARKETING

At vero eos et accusamus et iusto odio digni goikussimos ducimus qui to bonfo blanditiis praese. Ntium voluum deleniti atque.

Melbourne, Australia
(Sat - Thursday)
(10am - 05 pm)